Grazie a O.D.E. Edizioni e Irene catocci abbiamo avuto l’onore di leggere in anteprima “l’odore del sesso”
Irene Catocci - L'odore del sesso - cover reveal
Irene Catocci - L'odore del sesso - cover reveal

Scheda del libro

Titolo: l’odore del sesso
Autore: Irene Catocci
Editore: O.D.E. Edizioni 
Genere: Thriller, con sfumature dark romance. MM 
Pov: 1° e 3° persona alternati 
Prezzo ebook: €2.99
Prezzo cartaceo: € 12.99 
Data di pubblicazione: 16 dicembre 2020
Pagine: 170 
Serie: 1° di dilogia 
Finale: Autoconclusivo 

Disponibile su: AmazonAltri libri di Irene Catocci

Trama

La sodomia è peccato. 
L’odore del sesso è peccato.  

Davide Profeta non può ignorare la voce della coscienza, quella stessa che l’ha accompagnato fin dall’infanzia. La belva dentro di lui è assetata di sangue e darle libero sfogo è quanto di più appagante ci sia al mondo. Almeno fino all’incontro con Noah.  

Un angelo dai capelli biondi che riuscirà a controllare la belva, ad ammansirla.  

Può l’amore prevalere sull’istinto? Possono l’acqua santa e il diavolo innamorarsi a tal punto da diventare una cosa sola?

Estratto

«Ciao» lo saluto, sorridendo.  

Il ragazzo sobbalza e si porta le mani al petto, guardandomi sospettoso. «Mi hai spaventato» dice soffermandosi un attimo, per poi aumentare il passo a testa bassa.  

«Fermati un secondo.»  

Mi guarda di sottecchi per un tempo brevissimo, poi riporta gli occhi sull’asfalto.  

«Ti prego» aggiungo. Da dove cazzo mi è uscita questa supplica? Stringo il volante con le mani talmente forte da provare dolore.  

Lui rallenta fino ad arrestarsi e mi guarda con un cipiglio sul viso, tra il preoccupato e il curioso.  

«Mi hai seguito?» è circospetto, incrocia le braccia sul petto esile.  

«In realtà ti ho aspettato» rispondo, con il sorriso da conquista, uno di quelli che non ho mai usato con lui, ma che riescono a sciogliere anche la vittima più reticente.  

«Perché?» chiede ansioso, agitandosi sul posto e guardandosi attorno.  

«Posso accompagnarti a casa?» Dimmi di sì, ragazzino. Ho voglia di giocare e la tua paura è il più dolce degli afrodisiaci.  

«Abito qui vicino. Vado a piedi.»  

Deglutisce a disagio e inizia a innervosirsi.  

«Mi dispiace. So che posso sembrare un malintenzionato ma… la verità è che vorrei parlarti. Non…» Cerco le parole giuste, quelle che non hanno mai fatto cilecca. Devo averlo, così poi potrò tornare a respirare. «In realtà non ho fatto altro che pensare a te da quando ci siamo incontrati e vorrei conoscerti meglio.»  

Il ragazzo mi guarda confuso. Apre e chiude la bocca più volte come a voler dire qualcosa, ma senza riuscire a trovare le parole… o la voce.  

«Ma se non vuoi, io…»  

Mi interrompe. «No… io…» Mi guarda irrigidendo leggermente le labbra. «Non so neanche il tuo nome.»  

«Davide» dico di getto. «Mi chiamo Davide.»  

Una doccia d’acqua gelata mi cade addosso in un secondo. Il terrore scivola lungo la mia colonna vertebrale e non riesco a respirare. Il mio nome! Gli ho detto il mio fottutissimo nome! Sento la coscienza urlare, mordere i miei nervi tesi come un cane rabbioso.  

«Io sono Noah.» 

Recensione

Care lettrici,  

oggi vorrei presentarvi un romanzo che mi ha molto colpito, soprattutto perchè mi ha inoltrato in un mondo a me quasi sconosciuto.  

E’ un genere MM molto intenso dal punto di vista degli argomenti trattati in quanto non solo parla dell’omosessualità fina a se stessa, ma ne approfondisce i concetti dal punto di vista psicologico dell’accettazione di se stesso in quanto omosessuale.  

Come ho detto prima è un romanzo che mi ha colpito, è travolgente sia dal punto di vista psicologico che dal punto di vista umano, mi sono letteralmente ritrovata immersa nel mondo di Davide e di Noah e mi ha saputo tenere avvinta fino all’ultima pagina, ma ora lasciate che vi presenti i personaggi. 

Davide Profeta è un avvocato dal passato scolpito da una madre cattolica che aberrava l’omosessualità catalogandola come un abominio e ciò lo ha segnato nel profondo. 

 ”Masturbarsi era peccato. Desiderare i piaceri carnali era peccato, e quando scoprì i miei sporchi istinti omosessuali, dopo ore di preghiera incessante in cui mi liberai la coscienza sperando nel suo perdono e nella sua assoluzione, per me fu la fine.” 

La sua vita è un pozzo nero senza fine, una mascherata atta a se stessa con il fine di esse ciò che la madre voleva che fosse, un uomo normale. 

“La mia vita è come il teatro: indossiamo delle maschere per piacere agli altri o per nasconderci fra la gente e, qualsiasi sia il motivo che ci porta a diventare attori di noi stessi, viviamo un’esistenza di apparenze.” 

“La mia anima è nera come l’inchiostro e la notte, quando fa buio diventa la mia casa, aspetto il momento propizio per far uscire il mio vero io.  

uccido, liberando il mostro che cova impaziente dentro di me.” 

Ha sempre vissuto all’ombra di se stesso, cacciando per scacciare il mostro fino a quando non incontra lui Noah. 

“Le persone mi spintonano senza riguardo, ma non mi procurano alcun fastidio, sono ipnotizzato dal lui, perso, completamente ammaliato.” 

Noah è un barista, per la sua omosessualità non ha avuto una vita facile, ma quando lo vede capisce che tutto ha avuto un senso 

“Non ha mai creduto nel destino, cercando di vivere giorno per giorno senza aspettarsi niente, perchè non esiste nient’altro all’infuori del presente e della vita che scorre inesorabile come un fiume in piena. In quel momento però, Noah deve ricredersi. il destino esiste e ha il volto di Davide.” 

Un romanzo dove l’amore, il dolore, la paura di accettarsi si toccano con mano, venite a conoscere Davide e Noah, lasciatevi travolgere dalla loro storia d’amore.  

Federica Rivaira

Biografia dell'autrice

Irene Catocci vive in Maremma, immersa nel verde e nella tranquillità (il più delle volte), con il marito, le due figlie e un levriero con l’indole di un gatto.

Ha iniziato a scrivere per dare corpo e anima alle voci dentro la sua testa. Dicono di lei che sia lunatica ma affidabile. Divoratrice di romanzi thriller e film splatter, ha anche un’anima romantica (per buona pace di suo marito) che riversa nei suoi protagonisti, facendogli compiere le dichiarazioni d’amore più disparate.  

Della stessa autrice: Il dono, J.Skull,. Cuore di Jagoda, Quel Mare Profondo, Doomed e Schegge di vetro.

Altre recensioni della stessa categoria

  • Marina Sarracino-intrecci di rose e misteri
    Intrecci di rose e misteri di Marina Sarracino
    Recensione. La giovane e dinamica Isabella sfida le dicerie degli abitanti della sua cittadina e accetta di lavorare come domestica presso Villa Roseto […]
  • Loriana Lucciarini-Il sussurro del lago
    Il sussurro del lago di Loriana Lucciarini
    Recensione. L'oscurità dilaga ma io ho lasciato accese piccole fiammelle. Se andrai nel bosco e le seguirai ti porteranno da me. […]
  • Carmen Weiz - La voce dell'innocenza
    La voce dell’innocenza di Carmen Weiz
    Recensione. L’agente speciale delle forze dell’ordine svizzere Sophie Nowack viene chiamata per lavorare come infiltrato in una comunità religiosa nel cuore della Foresta Nera. […]
  • Domenica Lupia-lacryma
    Lacryma di Domenica Lupia
    Prossima uscita. Girone dopo girone, Michele si troverà a scendere verso il centro di un inferno personale fatto di dipendenze, prostituzione, gelosie, nevrastenie e sofferenza […]
  • Carmen Weiz-La bellezza del male
    La bellezza del male di Carmen Weiz
    Recensione. Si dice che il tempo guarisca ogni ferita, e forse queste parole portano con sé una certa verità.  […]
Notifiche
Notificami
0 Commenti
Feedback in linea
Guarda tutti i commenti