Remo Bassini - forse non morirò di giovedì - cover
Remo Bassini - forse non morirò di giovedì

Scheda del libro

Titolo: Forse non morirò di giovedì
Autore: Remo Bassini
Editore: Golem Edizioni
Genere: Narrativa
Collana: Mondo
Pagine: 192
Prezzo: € 15,00

In libreria e negli store online dal 18 febbraio 2021

Disponibile su: AmazonAltri libri di Remo Bassini

Trama

Riunione di redazione: davanti al direttore Sovesci, i suoi nove giornalisti. Siamo in un giornale di provincia. Arriva una notizia strana.
Due uomini, forse due gay, di notte, in un parco, sono stati picchiati da quattro teppisti. Il direttore Sovesci dà indicazioni su come approfondire la notizia, poi lascia la redazione perché ha un appuntamento. 

Una sua ex giornalista, Caterina, che lavora in televisione, vuole intervistarlo. È un uomo solo. La moglie lo ha lasciato, è convinto che il giornale sia la sua seconda casa. L’azione si svolge in dieci giorni. 

Il romanzo è inframmezzato da spezzoni dell’intervista rilasciata a Caterina, in cui Sovesci parla del giornalismo di bottega, quando l’unico mostro tecnologico conosciuto e utilizzato in redazione era il fax, e del giornalismo libero. 

Estratto

Sta camminando in fretta. La testa gli fa sempre più male e non ha più sigarette, ne troverà al giornale, le bustine che prende per l’emicrania, invece, sono a casa, riuscirà a metterci mano solamente dopo la chiusura, poi uscirà di nuovo, andrà in trattoria, cenerà da solo, come sempre.  

A Caterina e al bronzo di Riace non ha chiesto dove sarebbero andati a mangiare, mica può pretendere che lo aspettino; gli han detto che domattina dovranno svegliarsi prestissimo per rientrare prima possibile alla base.  

Nella testa comunque continua a ronzargli il sospetto che Caterina possa essere andata a cena con Di Maso. 

Biografia dell'autore

Remo Bassini, nato a Cortona, vive a Vercelli.

Ha un passato da operaio, portiere di notte, studente lavoratore, giornalista. 
Ha diretto per dieci anni il bisettimanale storico di Vercelli, La Sesia, e ha collaborato con diverse testate (L’indipendente, Il Corriere nazionale, Il Fatto). 

Attualmente dirige il giornale on line Infovercelli24 e ha un blog su il Fatto Quotidiano. 

Ha pubblicato “Dicono di Clelia” (Mursia), “Lo scommettitore” (Fernandel), “La donna che parlava con i morti” (Newton Compton; ristampato da Il Vento Antico), “Bastardo posto” (Perdisa Pop), “Vicolo del precipizio” (Perdisa Pop), “Buio assoluto” (Historica), “Vegan. Le città di Dio” (Tlon), “La notte del santo” (Fanucci), “Il bar delle voci rubate” (I buoni cugini), “La donna di picche” (Fanucci).

Altre recensioni della stessa categoria

  • Cristiano Pedrini-il ragazzo delle api
    Il ragazzo della api di Cristiano Pedrini
    Recensione. Come l’ape raccoglie il nettare dei fiori, lasciandoli intatti, anche tu Jeremy sai cogliere quello che di più prezioso sa offrire chi ti sta accanto… […]
  • Marcella Garau-prontuario dello scrittore
    Prontuario dello scrittore di Marcella Garau
    Recensione. Nel manuale l’editor Marcella Garau ha portato alla luce gli interrogativi più comuni che degli scrittori emergenti ed esordienti si pongono in forum o pagine dedicate. […]
  • Martina Zemiti-Jiva
    Jiva di Martina Zemiti
    Prossima uscita. Jiva è una cittadina a pochi passi dalla metropoli, abitata da figli dei fiori, santoni, artisti e altri curiosi personaggi. […]
  • Come una notte senza stelle di Valentina Bellucci
    Recensione. Charlotte è mia sorella. Ma non è una sorella qualunque. Lei è la mia gemella. Siamo uguali in tutto. Stesse labbra, stesso sorriso, stessa altezza […]
  • Maria Antonietta Macciocu-Mia stella caduta
    Mia stella caduta di Maria Antonietta Macciocu
    Recensione. Dietro ogni stella caduta ci sono desideri, speranze, illusioni, l'attimo in cui sembra che tutto sia possibile […]
Notifiche
Notificami
0 Commenti
Feedback in linea
Guarda tutti i commenti