Alessia Litta - la notte su di noi - review party
Alessia Litta - la notte su di noi

Scheda del libro

Titolo: La notte su di noi
Autore: Alessia Litta
Genere: Romance
Uscita: 24 febbraio 2021 
Prezzo: ebook 1,99€ (prezzo lancio 0,99€)

Disponibile su AmazonAltri libri di Alessia Litta

Trama

Quando Daphne arriva nella piccola città montana di Saint-Valloire, con tutte le intenzioni di cominciare una nuova vita, certo non si aspetta di ritrovarsi come vicino di casa l’arrogante e sexy Capitano di Polizia: Adrien Duval.

Le scintille sono immediate, i litigi all’ordine del giorno, mentre un’attrazione bruciante sembra consumare entrambi.

Quando poi scopre che di Duval ce ne sono addirittura tre – tre fratelli capaci di far girare la testa a ogni donna – Daphne comincia a temere che quel trasferimento non sia stato per niente una buona idea.

Eppure non ha scelta. Saint-Valloire potrebbe essere l’unico posto in cui sentirsi al sicuro, e l’unico in cui nascondersi dall’uomo che le dà la caccia.

Recensione

Care amiche, 
oggi vorrei parlarvi di un romanzo che mi ha fatto battere forte il cuore parlo di “La notte su di noi” di Alessia Litta. 

Non è la classica storia d’amore, ci troveremo anche da affrontare l’oscurità, le insicurezze e le paure della nostra protagonista Daphne. 

Daphne è una ragazza misteriosa in cerca di un posto sicuro, ma al sicuro da cosa o da chi non lo ricorda neanche lei, cerca solamente un posto sicuro per isolarsi e ricominciare a vivere e a dipingere. Un paesino sperso fra le Alpi fa proprio il caso suo. Decide di trasferirsi a Saint-Valloire dove si troverà ad affittare una villetta isolata che ha come unico vicino niente di meno che un arrogante e misogino, ma super sexy capo della polizia.

SI aprirà così un meraviglioso mondo fatto di battute pungenti, fraintendimenti, sguardi e tocchi rubati.

Adrien Duval è un super sexy capo della polizia dall’aria arrogante e dall’aspetto distante distaccato, è un uomo segnato da una relazione precedentemente finita male e da un passato doloroso. 

Ha capito subito le intenzioni di zia Louisa, pertanto ha deciso di mostrarsi sin subito poco ospitale verso la sua nuova vicina, ma l’attrazione e la curiosità verso Daphne i suoi strani comportamenti contraddittori lo attraggono come una falena al fuoco tanto da voler scoprire cosa nasconde dietro la sua facciata di riservatezza.

Poco a poco a Adrien Duval si mostrerà per quello che è realmente, un uomo dal cuore d’oro dedito alla famiglia, al lavoro e alla comunità.

Alessia Litta con la sua scrittura fluida, scorrevole ed emozionante è riuscita a tenermi incollata al libro fino all’ultima pagina, avvinta in una storia complessa piena di chiari e scuro dove nulla è scontato, carica di sentimenti, di attacchi di panico, di battibecchi e scintille fra i due protagonisti che sono riusciti a regalarmi non pochi sorrisi.

I personaggi principali sono molto ben caratterizzati e tanto lo sono anche i personaggi che vi gravitano attorno ed allora come faccio non parlarvi dei fratelli Duval? Dei quali spero vi sarà presto un romanzo.

Luc è il fratello scapestrato e un donnaiolo incallito e gestisce una palestra. Inizieremo a conoscerlo come un ragazzo superficiale ma ben presto ci farà ricredere.

Raul invece è un ex militare che ha lasciato l’esercito, segnato dal suo passato gestisce con successo un bar, è un uomo generoso e dal cuore caldo. Naturalmente non dimentico di menzionare la componente femminile Greta e Jiulia, sono curiosa di sapere quale scintille scoccheranno per i fratelli Duvall.

Non mi resta che attendere il prossimo romanzo di Alessia Litta ed augurare a voi una buona lettura! 

Federica Rivaira

Biografia dell'autrice

Alessia Litta nasce a Roma. Nel 2006 si trasferisce in Germania e alla fine del 2008 nel sud della Francia, dove vive tuttora.

Oltre alla scrittura e alla lettura, ha la passione per la fotografia e la pittura. Le piace camminare nella natura e, se potesse, riempirebbe la propria casa di cani e gatti.

Come autrice self ha pubblicato “Vento di Kornog”, “Il Sussurro del Lago”, “Così come sei”, “Vite sospese”, “Il Respiro del Tempo”.

Estratto

#1

Quando lui alzò una mano a sfiorarle il viso, lei pensò davvero che non ce l’avrebbe fatta.

Come poteva, si chiese. Come poteva toccarla con una delicatezza simile e mostrare l’inferno negli occhi?

#2

Lo guardò, lui dritto nella sala, le spalle ampie, l’espressione imperscrutabile. E non poté fare a meno di chiedersi a come sarebbe stato sfiorare quelle labbra piene e severe. Nonostante i continui litigi, la tensione e l’elettricità che sempre si accendeva ogni volta che si vedevano.

Adrien Duval puntò gli occhi su di lei e per un momento Daphne ebbe la sensazione che fossero rimasti soli. C’erano solo il ghiaccio di quelle iridi che la fissavano, la sua figura statuaria al centro della sala. E lei. Lei in attesa. Lei col cuore che batteva troppo veloce nel petto.

#3

Era uno stronzo bastardo. E lei era un’idiota. Un’idiota che desiderava un uomo che continuava a rifiutarla.

Aveva voglia di piangere. Piangere e gridare. Il petto le faceva tanto male, che si chiese perché dovesse soffrire così tanto. Quando quell’uomo era diventato così importante per lei? Quando l’astio e la diffidenza si erano trasformati in quell’attrazione bruciante che sembrava consumare tutto?

#4

Avrebbe voluto chiedergli cosa ci facesse lì, invece restò rigida davanti a lui.

«Ci sei solo tu su questa collina» disse gelida. «Dovrei avere paura di te?»

Lui si avvicinò a piedi nudi sul parquet, sul viso una tensione che avrebbe dovuto spaventarla e che invece l’attirava come un vortice.

«Forse» rispose ormai a mezzo metro da lei. «Non hai paura di me, Daphne?»

Lei fece per indietreggiare, ma avvertì il banco dietro di sé e dovette appoggiarvi le mani sopra. Quell’uomo la rendeva di gelatina, dannazione.

«Paura di te, Capitano? No» disse con una nota di derisione. «Mi fanno paura i tuoi insulti, il tuo disprezzo. Ma non ho mai avuto paura di te.»

Altre recensioni della stessa categoria

  • Chiara Trabalza - Il giorno giusto per ricominciare
    Il giorno giusto per ricominciare di Chiara Trabalza
    Recensione. Giorgio e Hope non si vedono da sei anni, da quella notte in cui il loro amore è finito, quando le certezze di Hope sono crollate e lei è scappata via, in un’altra città […]
  • Lucrezia Scali - Te lo dico sottovoce
    Te lo dico sottovoce di Lucrezia Scali
    Mia ha trent’anni, un passato che preferisce non ricordare e una famiglia da cui si tiene alla larga. Di notte sogna il principe azzurro, ma la mattina si concentra sulla realtà. Il suo amore per gli animali la tiene impegnata. Il romanticismo non sembra proprio voler arrivare nella sua vita. O almeno, così pensava prima di conoscere Alberto e Diego. […]
  • Fabiola D'Amico - Amore a prima vista
    Amore a prima vista di Fabiola D’Amico
    Recensione. Holly è il sindaco di un paese abbarbicato sui monti del New Hampshire; oltre a occuparsi del bene dei suoi abitanti è mamma di Nicole e possiede un negozio di articoli da regali […]
  • Maggie Dallen - Ops Mi sono innamorata di suo fratello
    Ops! Mi sono innamorata … di suo fratello! di Maggie Dallen
    Recensione. Avery non ne può più di correre dietro ad Alex Luven, il ragazzo che insegue da una vita e che sembra non essersi ancora accorto di lei […]
  • Roberta Damiano - Christmas Ciok
    Christmas Ciok di Roberta Damiano
    Recensione. Patrisha Philips odia il Natale e si trova costretta ad andare per lavoro in una delle città più natalizie al mondo. Tra luci e colori, si scontrerà con Lucas Snow e la sua cioccolata calda. […]
Notifiche
Notificami
0 Commenti
Feedback in linea
Guarda tutti i commenti