Loriana Lucciarini-Il sussurro del lago

Scheda del libro

Titolo: Il sussurro del lago
Autrice: Loriana Lucciarini
Genere: Thriller psicologico
Pagine: 150
Prezzo kindle: 2,99€
Prezzo cartaceo: 15,00€

Disponibile su: AmazonAltri libri di Loriana Lucciarini

Trama

 “L’oscurità dilaga ma io ho lasciato accese piccole fiammelle. Se andrai nel bosco e le seguirai ti porteranno da me. Come le molliche di pane, come il canto delle sirene. Come il flauto di Pan, come il profumo di marzapane. Come le campane della domenica, come le lettere d’amore nascoste nei libri. Come i dettagli inaspettati che fanno la differenza. 

Ti ho lasciato segnali, molliche, sussurri, suoni, canzoni, aromi, dettagli e ricordi, tutti per te. Se andrai nel bosco ti porteranno da me.” Un thriller psicologico ambientato nella Tuscia viterbese. 

Il corpo di Chiara Roberti, figlia di un noto imprenditore della zona, viene ritrovato impigliato fra il canneto e la riva del Lago di Vico, a Viterbo. La ragazza, fuggita da casa giorni prima, era sotto cura psichiatrica e gli inquirenti archiviano il caso come suicidio. Eppure questa storia è destinata a non chiudersi perché, due anni dopo, quando la criminologa Anna Lorenzi torna in Italia, nella posta in giacenza trova una cartolina proprio di Chiara. 

Il messaggio è criptico e apre scenari diversi e inquietanti. Così Anna, spinta dalla necessità di far luce sulla sorte della sua allieva, indagherà per riaprire il caso, aiutata dalla giornalista Vanessa Sardo, che fin dall’inizio ne ha seguito le vicende. 

Riusciranno le due donne – testarde, intuitive e determinate – a decifrare il mistero legato alle ombre e ai segreti che Chiara Roberti si è portata con sé, nel fondo delle chete acque del lago?

Recensione

Dietro i sorrisi perfetti e i decori d’oro, le ombre celano mostri

Anna è una docente del corso di criminologia all’università di Bologna con sede a Forlì, nonché ex agente operativo nell’unità dei RIS.

Dopo due anni passati a Londra, a seguito del marito, torna a Bologna per una breve vacanza. Scorrendo le notizie di cronaca, scopre con stupore che una sua ex allieva, Chiara Roberti, la più brillante del suo corso e della quale era stata anche relatrice, venne ritrovata morta sulle rive del lago di Vico e, dopo un anno di indagini, il suo caso viene ora archiviato come suicidio. 

Lo stupore si trasforma in angoscia quando apprende che la ragazza, prima della sua scomparsa, era sotto cura psichiatrica e affetta da disturbi dei quali Anna, durante i loro incontri universitari, non si era mai resa conto se non per il fatto che Chiara fosse una persona molto introversa e particolare. 

La sua perplessità riguardo a questa diagnosi e all’ipotesi di suicidio si accentua e fortifica quando lo stesso giorno trova nella posta in giacenza una cartolina proprio di Chiara, speditale un giorno e mezzo prima della sua morte e contenente un messaggio criptico e ambiguo. Anna lo interpreta come una richiesta d’aiuto e, non potendo ormai più fare nulla per la vita della sua studentessa, si sente in dovere di scoprire almeno la verità sulla sua sorte. Così, aiutata dalla giornalista che ha seguito fin dall’inizio le vicende del caso e col supporto morale ed incondizionato del marito, Anna indagherà per riaprire il caso e far luce su questo mistero.

Ambientato tra Bologna e la Tuscia viterbese, questo thriller mi ha tenuta incollata alle pagine dall’inizio alla fine. La voglia di scoprire la verità, i colpi di scena, i collegamenti col passato, i rapporti tra i vari personaggi nonché gli stati d’animo degli stessi, gli approcci, gli intrighi, la voglia di rivalsa, tutti questi elementi hanno contribuito a rendere questa storia appassionante e coinvolgente, coadiuvati da una scrittura fluida e accattivante.

Assolutamente consigliato agli amanti del genere.

Manuela

Altri Thriller

Notifiche
Notificami
0 Commenti
Feedback in linea
Guarda tutti i commenti