Monica Lombardi-Schegge di ricordi

Scheda del libro

Titolo: Schegge di ricordi
Autrice: Monica Lombardi
Genere: Thriller psicologico
Serie: Gli abissi della mente, vol.2
Pagine: 367
Prezzo kindle: 4,99€
Prezzo cartaceo: 9,99€
Data di uscita: 18 luglio 2017

Disponibile su: Amazon – Altri libri di 

Trama

È sopravvissuta. Ora vuole ricominciare a vivere. 

Due donne, due amiche, Giulia e Livia, rapite una sera di novembre. Quando tornano alla loro vita, niente è più come prima. Livia, quella che è stata più a contatto con il mostro, di notte sogna la sua prigionia e di giorno non riesce a scrollarsi di dosso la sensazione che lui tornerà. E infatti il mostro si avvicina, più folle e spietato che mai. Con un solo obiettivo: insinuarsi per sempre nella mente di Livia. 

Il commissario Claudio Sereni, a sua volta vittima di un insolito incidente di cui non ha memoria, dovrà riprendere le fila del caso del rapimento delle due amiche rimasto irrisolto. Attorno a lui orbitano il collega Emilio Arco e la sensitiva Ilaria Benni. Dovrà muoversi con decisione per stanare il mostro e allo stesso tempo con delicatezza per non spezzare la fragile corazza che Livia ha costruito intorno a sé, ai suoi ricordi e ai suoi sentimenti. 

Con ”Schegge di ricordi” Monica Lombardi torna a scavare nelle voragini della mente umana, in un thriller psicologico degno dei maestri del genere. 

Recensione

Ed eccoci con il secondo volume della serie “Gli abissi della mente”,  l’autrice con questo libro torna a parlarci di Giulia e Livia. Devo essere sincera non amo i sequel, perché molto spesso diventano un miscuglio di racconti con poca sostanza, ma non è assolutamente questo il caso, anzi qui il lavoro di Monica  è stupefacente, forse il secondo volume e ancora più bello del primo.  

Due amiche, Giulia e Livia una sera vengono rapite, la prima riesce a scappare, la seconda, invece resterà per più tempo a  stretto contatto con il suo carnefice, ora è libera, è sopravvissuta, ma di notte continua ad avere gli incubi e non riesce a liberarsi dal pensiero che non è tutto finito. Infatti, il mostro sta per tornare. Mario Gerli, il suo carnefice, era riuscito a sfuggire alla polizia ma ora vuole continuare il suo gioco perverso, in modo invisibilmente e silente inizia a muovere le sue pedine per arrivare a distruggere le due donne e insediarsi per sempre della mente di Livia.  

La donna ne è uscita devastata sia psicologicamente che fisicamente.  Ha la paura nello sguardo ma quando capisce che può ripiombare in quell’incubo trova la forza per reagire e ce lo dimostra pagina dopo pagina, a piccoli passi, incerti e spaventati ma pieni di coraggio, Livia cercherà di rinascere. Non è sola in questa ripresa, può contare sull’appoggio dei suoi amici e sulla determinazione del commissario Sereni, che era già a capo delle indagini ma un incidente l’aveva allontanato dalla scena, ora è tornato più agguerrito di prima e non si darà pace finché le due donne non saranno al sicuro.    

Di questo secondo volume ho apprezzato in primis l’analisi psicologica che l’autrice fa dei personaggi, è riuscita a far emergere punti di forza e debolezze di ognuno, con i vari POV dedicati ci fa entrare nella mente di Livia, di Giulia, del commissario Claudio Sereni, ma anche in quella del mostro, ci ha raccontato la sua follia, il suo gioco diabolico, le sensazioni che prova quando distrugge la mente delle persone.  

L’autrice è riuscita a creare la giusta dose di adrenalina e tensione che mi ha accompagnata per tutto il libro. Anche questa volta, Monica ha saputo intrecciare abilmente i fili per creare una tela fitta di avvenimenti e sentimenti che mi hanno tenuta incollata alle pagine anche si notte. 

Il suo stile è come sempre impeccabile, scorrevole e diretto, sa creare suspense dando la sensazione che il pericolo è sempre lì dietro l’angolo.  

Un bel thriller psicologico con varie sfumature.

Tonia

Biografia dell'autrice

Monica Lombardi lavora come traduttrice e interprete free-lance. 

Per alcuni anni ha scritto e pubblicato fan fiction su alcuni siti americani, per poi approdare a storie con personaggi suoi. Ama il cinema e le serie tv ed è convinta che questo suo amore per le storie narrate sul piccolo e grande schermo si percepisca in quello che scrive. 

La prima serie che ha pubblicato ha come protagonista un tenente della Omicidi di Atlanta, Mike Summers. A questi quattro romanzi sono seguiti la commedia romantica Three doors – La vita secondo Sam Bolton, la serie romantic suspense “GD Team” e quella distopica “Stardust” (tutti Emma Books). 

Con Amazon Publishing ha pubblicato Schegge di verità. “Scrivere è sentire il mondo che respira”, questo il motto che riassume il suo approccio alla scrittura. 

Altre recensioni della stessa categoria

  • Marina Sarracino-intrecci di rose e misteri
    Intrecci di rose e misteri di Marina Sarracino
    Recensione. La giovane e dinamica Isabella sfida le dicerie degli abitanti della sua cittadina e accetta di lavorare come domestica presso Villa Roseto […]
  • Loriana Lucciarini-Il sussurro del lago
    Il sussurro del lago di Loriana Lucciarini
    Recensione. L'oscurità dilaga ma io ho lasciato accese piccole fiammelle. Se andrai nel bosco e le seguirai ti porteranno da me. […]
  • Carmen Weiz - La voce dell'innocenza
    La voce dell’innocenza di Carmen Weiz
    Recensione. L’agente speciale delle forze dell’ordine svizzere Sophie Nowack viene chiamata per lavorare come infiltrato in una comunità religiosa nel cuore della Foresta Nera. […]
  • Domenica Lupia-lacryma
    Lacryma di Domenica Lupia
    Prossima uscita. Girone dopo girone, Michele si troverà a scendere verso il centro di un inferno personale fatto di dipendenze, prostituzione, gelosie, nevrastenie e sofferenza […]
  • Carmen Weiz-La bellezza del male
    La bellezza del male di Carmen Weiz
    Recensione. Si dice che il tempo guarisca ogni ferita, e forse queste parole portano con sé una certa verità.  […]
Notifiche
Notificami
2 Commenti
Meno recenti
Più recenti
Feedback in linea
Guarda tutti i commenti

Grazie, bellissime parole! Come hai scritto, questa è la storia di una donna che è stata mandata al tappeto e che pian piano si rialza (non a caso sta anche imparando a combattere), ed è una storia che ho voluto fortemente raccontare. Perché noi donne siamo così: anche quando andiamo la tappeto, siamo capaci di rialzarci. Un abbraccio e a presto!